Notizie

Si avvisano gli iscritti che l'ufficio di segreteria dell’Ordine Regionale resterà chiuso dal giorno 09/01/2017 al giorno 17/01/2017 compresi.

Cari colleghi vi informiamo che è ancora possibile iscriversi all’Associazione e alla luce dei nuovi eventi sismici è stata rinnovata la richiesta di disponibilità di colleghi. Chi fosse interessato all’iscrizione o a comunicare la propria disponibilità può trovare tutte le informazioni accedendo al sito dell’ASProC: www.asproc.it

Dal sito ASPROC: Emergenza terremoto - Aggiornamento sulla situazione  http://www.cnoas.it/Press_and_Media/News/2016_397.html                   

 "XXI Bando di concorso per tesi di storia del servizio sociale"

La Società per la storia del Servizio Sociale (SOSTOSS), allo scopo di promuovere tesi sulla storia del Servizio Sociale  in Italia, bandisce il ventunesimo concorso a premi, da intestare alla memoria della personalità che hanno onorato la professione di Assistente Sociale con attività di studio, operativa, promozionale e di formazione.

 

Per info e relativa domanda di partecipazione, leggere allegato.

Aggiornamento su ASProC

18 Ottobre 2016

L’Associazione Assistenti Sociali per la Protezione Civile (ASProC) in Trentino Alto Adige

Cari colleghi come già sapete dalle precedenti comunicazioni, in occasione dell’evento sismico che ha colpito l’Italia centrale, è stata attivata ASProC a livello nazionale con l’obiettivo di fornire un intervento competente ed organizzato a favore delle persone colpite dal terremoto.

In questo momento ci stiamo attivando anche come CROAS Trentino Alto Adige al fine di costituire a livello locale una sede di ASProC. L’istituzione dell’Associazione in loco ci permetterà di poter organizzare delle occasioni formative per conoscere e approfondire meglio il tema e gli attori presenti sul nostro territorio.

Pertanto se qualcuno di voi fosse interessato a prendere parte all’Associazione, può iscriversi tramite l'apposita modulistica, scaricabile dal sito CNOAS al seguente link (http://www.cnoas.it/Press_and_Media/News/2016_381.html) comunicando in seguito alla segreteria del CROAS i propri riferimenti per ricevere ulteriori informazioni in merito.

 

li

In occasione dell’evento sismico che ha colpito l’Italia centrale è stata attivata l'ASProC dal Dipartimento di Protezione Civile, nell’ambito delle attività avviate per soccorrere e sostenere le persone colpite dal terremoto al fine di fornire un intervento competente ed organizzato.
I colleghi che sono interessati a svolgere attività di servizio sociale a titolo volontario a favore della popolazione e in supporto degli assistenti sociali che esercitano la professione nelle zone terremotate possono iscriversi all’Associazione tramite l'apposita modulistica, scaricabile dal sito CNOAS al seguente link 

https://m.youtube.com/watch?v=ogTlcC9Xrpg

Caso Stella

29 Maggio 2016

Si informa che l'operato dell'assistente sociale che si è occupata del caso Stella è stato valutato dal Consiglio di Disciplina. Dopo attento esame, non si sono riscontrati comportamenti irrispettosi del Codice Deontologico e quindi il procedimento è stato archiviato il 26 ottobre 2015.

Gentili iscritti, lo scorso 27 novembre il nostro Ordine, in qualità di partecipante al Tavolo di monitoraggio, ha partecipato al Convegno organizzato dall'associazione culturale "Assistente Sociale Lorenza Delmarco" dove è stata presentata la ricerca "Cultura, politiche e pratiche di welfare in Trentino. Evoluzione, stato e prospettive". Riproponiamo qui il report della ricerca già pubblicato in novembre e aggiungiamo gli atti del Convegno.

Progetto Web radio S.O.S.

12 Maggio 2016

S.O.S. Servizi Sociali On Line www.servizisocialionline.it ha aperto e sta gestendo la prima web radio di servizio sociale in Italia. Lo strumento dà voce alla comunità professionale degli assistenti sociali e potrà essere utilizzata anche per programmi indirizzati ai cittadini.

Newsletter S.O.S. Servizi Sociali On Line, Anno VII, n. 17: http://files.spazioweb.it/aruba24605/file/annoviin.17del9.5.16.pdf

La web tv assistenti sociali ha realizzato il video e gli audio degli interventi del Seminario sulla libera professione svoltosi in Roma il 29 aprile scorso, che web radio S.O.S. ha elaborato e trasformato in Podcast radiofonici. Il materiale è qui: http://www.spreaker.com/show/seminario-libera-professione-croas-lazio (url della collection di web radio S.O.S. dove si trovano tutti i Podcast radiofonici degli interventi effettuati nella giornata) e qui https://www.youtube.com/watch?v=T9aG_-lJXcI (url del video di cui sopra).

A seguito di una riflessione iniziata nel 2011 e in conseguenza alle calamità naturali che hanno colpito il nostro Paese negli ultimi decenni, è stata costituita presso il Consiglio Nazionale dell'Ordine degli Assistenti Sociali l’Associazione A.S.Pro.C., acronimo di Assistenti sociali per la Protezione Civile. 

A.S.Pro.C. è un'associazione di volontariato a livello nazionale dotata di statuto proprio alla quale possono aderire tutti i colleghi assistenti sociali iscritti all'albo che vogliano testimoniare, attraverso l’adesione volontaria, il proprio senso civico e la responsabilità sociale in occasione di emergenze e di calamità naturali.

Per maggiori informazioni potete consultare i seguenti allegati:

 

Gli Assistenti Sociali interessati ad aderirvi possono farlo versando la quota di adesione come da indicazioni contenute nel Comunicato Cnoas del 09.10.2015.  

Qualora ci siano almeno 10 assistenti sociali della stessa zona interessati, è possibile costituire un organismo operativo periferico di Asproc a livello regionale, pertanto, ad adesione avvenuta, vi chiediamo di darne comunicazione al Croas.

Per ulteriori informazioni è possibile inviare una e-mail all'indirizzo:  segreteria@ordineastaa.it. In calce alla richiesta vi chiediamo di indicare i vostri riferimenti e anche un recapito telefonico per essere contattati ed informati su iniziative o incontri che saranno organizzati sul tema.

Manifesto Welfare

19 Febbraio 2016

"Welfare: no alla frammentazione delle politiche sociali che si riducono a mero trasferimento monetario". Manifesto redatto con il contributo di: CNOAS, AIDoSS, ANCI, AssNAS, CENSIS, CIGL, CISL, Confcooperative, EISS, Fondazione Emanuela Zancan Onlus, FORMEZ PA, Gruppo Abele, INAIL, IRS, ISFOL, ISTISSS, SOSTOSS, SUNAS, UIL.

In un "Manifesto" organismi espressione del sociale indicano criticità e avanzano proposte concrete:

 

Si comunica che per motivi tecnici, l'Ordine ha recentemente dovuto procedere all'acquisito una nuova casella PEC che sostituisce quella attualmente in uso. Si chiede pertanto di utilizzare per ogni comunicazione a mezzo PEC il nuovo indirizzo: ordineastaa@pec.it

 

Nuove linee guida sulla delicata materia dell’allontanamento dei minorenni dalle loro famiglie. Consulta l'apposita sezione sul sito CNOAS.

linee_guida_sostegno&tutela_minori

http://www.cnoas.it/Press_and_Media/News/2015_341.html

 

La sentenza Tar Lazio n. 5631/2014, ormai passata in giudicato, ha annullato l'articolo 24 primo comma del DPR 328/2001. Questo implica che tutti gli iscritti nella Sezione B dell'Albo degli Assistenti Sociali alla data di entrata in vigore del DPR 328/2001 (1 settembre 2001),  sono trasferiti d'ufficio nella Sezione A.

Il Consiglio dell'Ordine degli Assistenti Sociali del Trentino Alto Adige informa che la procedura di passaggio è stata conclusa. 

Si invitano gli iscritti interessati a verificare la propria posizione accedendo all'Area Riservata sul sito del CNOAS (www.cnoas.it).

Si ricorda inoltre che il D.L. n. 185/2008, convertito con L. 2/2009, ha stabilito all'art. 16 comma 7 che i professionisti iscritti in Albi ed elenchi istituiti con leggi dello Stato devono comunicare ai rispettivi Ordini e Collegi il proprio indirizzo di Posta Elettronica Certificata. Chi non avesse ancora provveduto è invitato a procedere in tal senso, inviando uno specifico messaggio all'indirizzo ordineastaa@pec.it. Ogni comunicazione dell'Ordine avverrà secondo tale modalità e non più attraverso posta ordinaria.

Si sollecitano, inoltre, gli iscritti a provvedere all'eventuale aggiornamento dei propri dati essenziali, come previsto dall'art. 64 del nostro Codice Deontologico.

Grazie per la collaborazione.